The Event Horizon

"Il punto di non ritorno"

Si informano i gentili lettori che il sito sarà chiuso alla scadenza naturale del servizio di hosting per mancanaza di fondi

Bitcoin Ethereum Zcash valute di nuova generazione

Ultimamente si è sentito sempre più spesso parlare di Bitcoin e delle altre monete virtuali. Il motivo? Semplice il Bitcoin in un anno è passato da circa 900$ a 20.000$ anche se oggi il prezzo si è ridotto scendendo a circa 14.000$.
Anche le altre monete sono cresciute di coneguenza anche se non sono arrivate alle stesse cifre del Bitcoin, per esempio l' Ethereum in un mese o poco più è salito da 200$ a più di 800$.

Il valore di queste monete è molto suscettibile a grandi variazioni dato che dipende quasi unicamente dalla domanda, ma si prevede che acquisiscano sempre più importanza e quindi sempre più valore.
Questo trend sarà più positivo se invece di essere scambiate con moneta reale si instaurasse un mercato di compravendita nativa, cioé utilizzando direttamente queste monete per gli acquisti. Ad oggi ci sono siti che acquistano direttamente in criptovaluta ma non sono ancora sufficientemente diffusi.
Per chi fosse interessato trovate a questo link qualche dettaglio in più (recuperato da internet) di cosa sia questa criptovaluta e su cosa si basa.

In questo articolo volevo solo dare qualche dettaglio relativamente "Mining" e su alcuni termini che si trovano in internet a questo link trovate qualche dettaglio del ruolo del miner.

Supponendo di sapere cosa sia il "Mining" vi sarete sicuramente chiesti se sia fattibile e/o renumerativo. La risposta è si ma...

Originariamente la potenza computazionale era tale da permettere a chiunque avesse un PC di fare minig utilizzando la CPU e ottenere anche dei buoni risultati. Naturalmente dato che la moneta, in questo caso il Bitcoin aveva un valore ralativamnet più basso, rispetto ad oggi, i risultati erano meno sostanziosi.
Con l'andare avanti il mining passo dalle CPU alle GPU che ottenevano valori di molto superiori alle CPU ma ben presto furono costruite degli hardware dedicati FPGA e poi ASICS con una potenza computazionale tale da rendere infruttuoso qualsiasi PC e relative Schede Grafiche.

Fu cosi che molte nuove monete fra cui Ethereum e Zcash per evitare che il mining passasse nelle mani di pochi possessori di hardware dedicati o gruppi che potevano permettersi l'acquisto di questi hardware hanno deciso di non usare l'algoritmo di SHA256 usato dal Bitcon e similari introducendo nuovi algoritmi.
Questi algoitmi di crittografia prevedono l'utilizzo di molta memoria, in questo caso video, per poter essere eseguiti, facendo rientrare in gioco le schede video con le loro GPU nel prcesso di mining, questo però ha avuto un inconveniente sui fruitori di schede video (leggi hardcore Gamers) un aumento spropositato dei prezzi delle stesse.
Per esempio Fino a luglio 2017 è stato possibile fare mining di Ethereum con schede video con 2GB di ram dopo quella data queste schede hanno smesso scavare, con l'attuale crescita della blockchain dell'Ethereum si prevede che schede con 8GB di memoria saranno utilizzabili fino al 2026/7.
Fortunatamente esistono ancora monete come Zcash che possono essere scavate con schede da 2GB di memoria, ma ben presto se l'andamento di crescita continua con questi ritmi anche queste non saranno più sufficienti.

Man mano che la blockchain cresce anche la difficoltà computazionale aumenta e di conseguenza anche i tempi per trovare la soluzione è aumentata. Così il singolo miner non è stato più in grado di ottenere risultati in tempi accettabili allora si sono costituite le cosiddette "Mining Pool" cioè i "Miner" si coalizzano accentrando la potenza di calcolo e quindi risolvere il problema più velocemnete, distribuendo poi i ricavavi in base alla percentuale con cui si è partecipato.

Ora indipendentemente da quanto detto sopra è da tenere presente che il "Miner"  senza il quale non esisterebbe nessuna moneta virtuale dedica il tempo del suo hardware a scavare e ancora più importante consuma corrente elettrica quindi bisogna fare attenzione ai ricavi dopo averli nettati del costo iniziale dell'hardware, dal costo dell'elettricità e dalla eventuale manuntenzione .
Sono cosi nati i "Cloud miner" cioé delle farm che posseggono e mantengono l'hardware necessario al mining e vendono potenza computazionale, di norma con queste soluzioni si ha un ROI (return of Investement) entro l'anno se il valore della moneta resta costante o sale.
Alcuni Coud Mining più accreditati:

Genesis Mining se decidi di utilizarlo usa questo codice Ac5vFP avrai diritto ad uno sconto del 3% sul tuo acquisto.
Hash Flare se decidi di usarlo accedi tramite il link

 

category: 
Powered by Drupal