The Event Horizon

"Il punto di non ritorno"

Si informano i gentili lettori che il sito sarà chiuso alla scadenza naturale del servizio di hosting per mancanaza di fondi

Profondità di campo

Depth of fieldAvete mai visto delle foto in cui il soggetto era perfettamente a fuoco e e tutto il resto invece no? oppure delle foto in cui tutto è a fuoco? Vi siete chiesti come è possibile ottenere questo effetto scattando una foto, come si chiama?

La risposta è: “Si può fareeeee” e si chiama profondità di campo.

 

Una definizione che possiamo dare alla profondità di campo potrebbe essere “la zona in cui tutti i punti sono o sembrano a fuoco”, ho messo sembrano perché in realtà una lente mette a fuoco solo in un piano detto “piano focale” e allontanandosi da questo i punti diventano meno nitidi, ma nella zona della profondità di campo la perdita di nitidezza è così bassa che l'occhio non se ne accorge e considera ancora tutto a fuoco.

 

Quando un oggetto e messo a fuoco solo i suoi punti verranno registrati sul sensore come punti, qualsiasi altro oggetto più lontano o più vicino proietterà sul sensore dei circoli detti “circoli di confusione”. 

Più un punto è lontano dal piano di messa a fuoco più i circoli di confusione saranno grandi. Se un circolo di confusione è abbastanza piccolo l'occhio lo percepisce come se fosse a fuoco, quindi l'insieme di punti a fuoco e i circoli di confusione sufficientemente piccoli vengono chiamati profondità di campo , che quindi è un area non più un piano.

La profondità di campo viene sfruttata in fotografia per “staccare” il soggetto dallo sfondo ed attirare l'attenzione su di esso.

I fattori che influiscono sulla profondità di campo sono tre.

  1. Distanza del soggetto

  2. Diaframma

  3. Lunghezza focale

 

Nota: Le considerazioni che faremo sotto sono da considerare a parità degli altri fattori

 

Un soggetto che si trova distante dalla macchina fotografica avrà una profondità di campo maggiore rispetto ad uno più vicino quindi e man mano che si avvicina la profondità di campo si riduce (vi dice neinte la parola macro)

 

Il diaframma, che altro non è che l'apertura della tendina della lente che può essere più (es. f/1.8) o meno (f/32) aperto, agisce sulla profondità di campo.

Più è aperto il diaframma (f/2,8, f/1,8, f/1,4 ) minore sarà la profondità di campo, in questo modo solo l'oggetto scelto risulterà a fuoco (bokeh), più chiuso invece è il diaframma (f/16, f/22, f/32,...) più ampia sarà la profondità di campo, quindi una zona più ampia risulterà messa a fuoco.

 

La lunghezza focale, che equivale allo zoom utilizzato, interviene nella generazione della profondità di campo. Più grande è la lunghezza focale più stretto è la profondità di campo, più corta è la lunghezza focale più ampia sarà la profondità di campo

Avete mai fatto caso che quando zoomate lo sfondo si allontana e diventa confuso? Ora sapete perché.

 

La distanza di messa a fuoco che permetta la maggior profondità di campo si chiama “distanza iperfocale” o “iperfocale”

 

In alcune macchine fotografiche è presente una funzione che permette di avere l'anteprima della profondità di campo, questo permette di vedere in anticipo come verrà la foto, unico neo e che durante l'anteprima l'immagine si scurisce e quindi in scarse condizioni di luce la profondità di campo non si percepisce. L'oculare diventa più scuro perché di norma l'apertura durante la composizione dell'immagine è al massimo per permettere maggiore luminosità e quindi percepire maggiori dettagli , quando si attiva la funzione l'apertura si setta come impostata e quindi diventa più scuro.

 

Nelle macchine che hanno il live view questa funzionalità è meno importante dato che, su live view, si vede con l'apertura settata al valore impostato, su alcune macchine fotografiche però se cambiamo apertura bisogna spegnere e riaccendere il live view per vedere con la nuova impostazione, mentre per altre tramite apposito pulsante si può mostrare anche sul live view.

category: 
Powered by Drupal